Skip links

Sondaggi elettorali e Social Listening: le nostre scoperte sui risultati delle Elezioni Europee 2019

Durante maggio sono state innumerevoli le proiezioni generate da sondaggi per tentare di anticipare i risultati delle Europee 2019.

Anche noi di KPI6 abbiamo misurato la temperatura dell’elettorato coinvolto nel dibattito pubblico su Twitter, con risultati molto interessanti. Ad esempio, solo noi avevamo previsto la sconfitta del movimento 5 stelle.

Le proiezioni prima del voto

Nel corso delle ultime settimane abbiamo assistito a diversi tentativi di rappresentare anticipatamente la composizione della compagine italiana al Parlamento Europeo. L’agenzia Dire già il 9 maggio posizionava la Lega al 30% e prevedeva un pareggio tra 5 Stelle, in crollo ma ancora in vantaggio con il 22%, e il PD al 20%. In alcuni sondaggi rivelatisi poi del tutto fuori strada, come quello pubblicato dal Corriere delle Sera, il Movimento 5 Stelle sembrava essere addirittura in forte ripresa (24,9%) rispetto al trimestre precedente (+3,7%).

Un discorso simile può essere fatto per quanto riguarda il duo d’opposizione di destra Forza Italia e Fratelli d’Italia. Quasi tutti i sondaggi, ad esempio quello de Il Fatto Quotidiano, vedevano il partito di Berlusconi in leggera crescita e in vantaggio (intorno al 10%) rispetto al partito della Meloni (solo 5,6%).

Per completezza e trasparenza, in fondo all’articolo troverete i sondaggi pubblicati dai diversi istituti nelle prime settimane di Maggio.

Le nostre analisi sulle intenzioni di voto su Twitter

Già in passato ci è capitato di misurare le analisi di KPI6 su diverse tipologie di consultazioni, come il referendum che ha sancito la #Brexit o la serata finale di XFactor12. Di recente abbiamo deciso di metterci in gioco nella politica di tutti i giorni, quella fatta di scontri sulle tematiche più calde, quella fatta di sottili variazioni del gradimento social. Sul sito di AGI ogni settimana pubblichiamo il resoconto sull’attività social dei principali protagonisti del dibattito e abbiamo introdotto di recente un widget che misura il gradimento degli utenti Twitter in tempo reale.

Siamo chiari: non si tratta di un vero e proprio sondaggio e non ha alcuna ambizione di rappresentare la realtà. Il campione analizzato non è rappresentativo dell’elettorato italiano, ma solo di un piccolo numero di utenti Twitter che ha manifestato una preferenza (attuale nota metodologica). Ciò che fa il nostro widget è semplicemente percepire microdifferenze che dai social si traducono poi in spostamenti importanti dell’opinione pubblica e di conseguenza spostamenti di voto in cabina elettorale.

Abbiamo confrontato la distribuzione, in percentuale, delle preferenze registrate durante la settimana terminata il 26 aprile, con quelle dell’ultima settimana di propaganda elettorale per le Elezioni Europee del 2019.

Continua a leggere per scoprire di più sulle nostre previsioni riguardanti le Europee 2019, oppure richiedi una consulenza gratuita per KPI6. Sarà il primo passo per iniziare a scoprire i trend politici grazie al Social Listening.

RICHIEDI UNA CONSULENZA

Sconfitta annunciata per i 5 Stelle, il PD conferma lo sprint e supera i grillini

Secondo tutti gli istituti di ricerca, il Movimento 5 Stelle avrebbe ottenuto un risultato positivo alle elezioni. Naturalmente, nessuno si aspettava che replicasse il successo delle politiche del 2018, ma molti sondaggi intravedevano quantomeno una ripresa degli uomini di Conte e Di Maio rispetto all’indice di gradimento registrato a Febbraio.

Discorso inverso per il PD di Zingaretti. L’elezione del nuovo segretario del partito è stata percepita bene dai sostenitori della sinistra italiana, eppure nessuno (tantomeno i sondaggi) ha pronosticato un risultato così confortante. Il partito democratico con il 22,7% sorpassa i 5 stelle fermi al 17%.

A che cosa dobbiamo questo ribaltamento della situazione? Astensionismo e delusione da parte dei grillini, una ritrovata unità con Zingaretti? Lo scopriremo soltanto nel corso delle settimane future. Ciò che possiamo affermare ora con certezza è che i dati di KPI6 sulle variazioni in percentuale dell’intenzione di voto avevano già fiutato il sorpasso, finalizzato poi nel giorno delle consultazioni europee.

FDI in crescita, niente paura per Salvini

Tra gli altri risultati che i social ci hanno suggerito, troviamo la maggiore crescita di Fratelli D’italia e Giorgia Meloni rispetto a quella di Forza Italia. Nonostante molti sondaggi dessero Forza Italia oltre il 10%, le urne hanno consegnato una sentenza ben diversa: un magro 8,8%, mentre Fratelli d’Italia fa registrare un corposo +1,5% medio rispetto ai sondaggi, confermando il colpo di coda da noi registrato nelle variazioni di preferenze su Twitter (+0,61%).

Le sirene della #Seawatch3 riecheggiavano, il #CasoSiri era al centro del dibattito politico nazionale, senza contare gli arresti del presidente della Regione Lombardia e il caso dei #volidistato. Un maggio veramente disastroso, questo, per Salvini e la Lega. Era prevedibile che alcuni sondaggi dessero il carroccio ai minimi storici da ottobre, ma le nostre analisi su KPI6 dicevano il contrario. Personaggio controverso sui social, ha sempre e comunque mantenuto alto l’umore dei suoi sostenitori. Abbiamo registrato una variazione trascurabile delle preferenze (+0,84), che ha confermato le nostre precedenti analisi (speciale “Se si votasse sui social su Agi del 17 Maggio), ribadite domenica alle urne con uno schiacciante 34%.

Criticità dei sondaggi

Storicamente i sondaggi sulle consultazioni elettorali hanno collezionato diverse imprecisioni. Ma in che cosa consistono i sondaggi elettorali, e come vengono elaborate le proiezioni? Quali limiti presenta questo metodo?

sondaggi di voto sono uno strumento di ricerca demoscopica che ha l’obiettivo di desumere l’opinione pubblica su un determinato fenomeno (oggetto dell’indagine) a partire da interviste (sondaggi) somministrate sotto forma di questionario a un ristretto numero di individui. L’elaborazione e in alcuni casi l’interpretazione e una estrema sintesi delle risposte determinano la base per una proiezione su scala nazionale.

Perchè non funzionano del tutto?

  • La rappresentatività del campione. Piccolo o grande che sia, il campione deve rappresentare tutte le sfaccettature dell’insieme su cui si vuole fare la proiezione. Per una migliore bontà del campione tutte le variabili che compongono un campione demografico dovrebbero essere rappresentate: fasce di età, genere, titoli di studio, appartenenza linguistica, geografica, religiosa, ecc ecc. Il nostro paese è in costante mutamento e sarebbe impossibile interrogare un campione che sia del tutto rappresentativo del tessuto sociale nazionale. Per ovviare a questo difetto vengono apportate delle correzioni più o meno grossolane, e che in alcuni casi prevedono il conteggio di un’opinione simulata o probabile.
  • È indubbio che il modo nel quale una domanda è posta agli intervistati influenzi la scelta della risposta: a tal proposito si veda il lavoro di Daniel Kahneman e Amos Tversky sulla scelta razionale.
  • Inoltre, il principio alla base di queste metodologie di ricerca sociale per il quale le domande vengono somministrate al campione in maniera “sollecitata”,  rischia di raccogliere risposte alterate dalla psiche dell’intervistato.

Quali insegnamenti possiamo trarre dall’analisi dei Social su queste Elezioni Europee 2019

Le percentuali offerte dai sondaggi si sono dimostrate in assoluto più vicine ai risultati effettivi delle consultazioni, ma l’analisi dei dei trend più recenti provenienti dai social, effettuata con KPI6, dimostra che le opinioni non sollecitate possono rivelarsi più potenti di qualsiasi questionario, anche se completato volontariamente. In questo caso, ci hanno permesso di registrare i cambiamenti di preferenze in tempo reale.

In particolare, KPI6 ha scoperto tre risultati che i sondaggi non avevano minimamente considerato:

  • il crollo del Movimento 5 Stelle, ora terza forza politica del Paese;
  • il sorpasso del PD sui pentastellati;
  • la forte crescita di Fratelli d’Italia.

Possibile che, un giorno, la scienza del Social Listening si evolverà a tal punto da rendere obsoleti i sondaggi? Forse sì, ma noi crediamo che in futuro assisteremo a un’unione dei due metodi, che permetterà di superare i limiti di entrambi e fornire agli analisti e agli appassionati di politica previsioni notevolmente più puntuali, consegnate in modo tempestivo.

Il mondo della politica ti affascina e vorresti analizzare le opinioni in tempo reale? Richiedici una consulenza gratuita:

RICHIEDI UNA CONSULENZA

Di seguito, potrete consultare le proiezioni rilasciate negli ultimi giorni di campagna elettorale dalle maggiori agenzie di sondaggi.

INDEX

Lega 32,4%
M5S 22,3%
Partito Democratico 21,1%
Forza Italia 9,2%%
Fratelli d’Italia 5%
+ Europa e Italia in Comune 3%
Sinistra 2,7%
Europa verde 1,7%
Altri 2,6%

EUROMEDIA

Lega 32,4%
M5S 20,6%
Partito Democratico 20,3%
Forza Italia 10,3%
Fratelli d’Italia 5,3%
+ Europa e Italia in Comune 3,8%
Sinistra 1,5%
Europa verde 1,4%
Indecisi/astensione 30,6%

EMG

Lega 32,2%
M5S 23,5%
Partito Democratico 21,2%
Forza Italia 10,3%
Fratelli d’Italia 5%
+ Europa e Italia in Comune 2,8%
La Sinistra 2,6%
Altri partiti 2,4%

IPSOS

Lega 30,9%
M5S 24,9%
Partito Democratico 20,5%
Forza Italia 7,8%
Fratelli d’Italia 5,7%
+ Europa e Italia in Comune 3,2%
la Sinistra 2,1%
Europa verde 1,8%
Non voto 42%

SWG

Lega 30,5%
M5S 22,7%
Partito Democratico 22,5%
Forza Italia 9,4%
Fratelli d’Italia 4,7%
+ Europa e Italia in Comune 2,6%
Sinistra (Rifondazione+SI) 2,7%
Europa verde 1,7%
Non si esprime 30,6%

DEMOPOLIS

Lega 31%
M5S 23%
Partito Democratico 22.2%
Forza Italia 8,4%
Fratelli d’Italia 5,5%
+ Europa e Italia in Comune 3,2%
La Sinistra 2,8%
Indecisi: 22%

ISTITUTO PIEPOLI

Lega 31%
M5S 22%
Partito Democratico 20,5%
Forza Italia 10%
Fratelli d’Italia 5,5%
+ Europa e Italia in Comune 3,5%
Sinistra 2%
Europa verde 1%
Indecisi/astensione 33%

TECNÈ

Lega 31%
M5S 22%
Partito Democratico 21%
Forza Italia 10,5%
Fratelli d’Italia 5%
+ Europa e Italia in Comune 3,5%
Sinistra 3,5%
Altri partiti 3,5%

YOUTREND

Lega 31,2%
M5S 22,6%
Partito Democratico 20,9%
Forza Italia 9,7%
Fratelli d’Italia 5%
+ Europa e Italia in Comune 3,2%
La Sinistra 2,8%
Europa verde 1,4%

Iscriviti alla community KPI6 e ricevi news e report riguardanti le più importanti tematiche della tua professione: Social Media Listening, Big Data Analysis, Influencer Marketing e molto altro ancora.