Skip links

Come la social media strategy migliora il posizionamento SEO

l social media marketing è influenzato e influenza a sua volta il posizionamento SEO. Ecco come “sfruttare” la social media strategy per migliorare la visibilità dei tuoi contenuti e migliorare il ranking del tuo brand.

Analisi della concorrenza, Influencer Marketing, social advertising: la scelta delle migliori keyword per il tuo business può servire a una grande varietà di scopi. La progettazione di contenuti di qualità non può che essere il cuore della tua strategia: ma, al di là dei contenuti, anche la strategia di posizionamento SEO influenza la reach del tuo BrandMa come fare a sfruttare i social network per migliorare la visibilità di un marchio in termini di posizionamento? Ecco come la social media strategy migliora il posizionamento SEO.

Se  sei convinto/a di avere già buon posizionamento SEO, probabilmente questa checklist è quello che fa per te. Un vademecum da riutilizzare e condividere ogni volta che lo ritieni necessario:

SCARICA LA CHECKLIST

Una buona attività data-driven inizia da una forte consapevolezza di ciò che funziona e cosa no. È necessario essere profondamente consapevoli sia dei punti di forza che di debolezza per poter superare i problemi. Sentiti libero di scriverci e dirci cosa ne pensi. Ci piacerebbe conoscere la tua opinione!

Social SEO: l’importanza delle condivisioni per il posizionamento

La SEO è cambiata molto negli ultimi anni: nella sua versione attuale, molto più raffinata di quella che i SEO specialist utilizzavano anni or sono, le attività sui social media sono tenute in grande considerazione.

Per molto tempo si è sottovalutato l’importanza di integrare social media marketing e strategie SEO, per il fatto che i link provenienti dai social network non sono in grado di influenzare direttamente il posizionamento. Ma limitarsi a questo sarebbe un errore.

La chiave di tutto sta nelle condivisioni: produrre contenuti interessanti significa innanzitutto focalizzarsi sulla loro capacità di generarle in maniera naturale.

Il numero di like, i retweet o di pubblicazioni su Linkedin hanno un peso notevole nel posizionamento: permettono di aumentare la reach, di stimolare la lead generation e infine anche le conversioni. Aumentano la visibilità e la credibilità del brand, e dunque il suo posizionamento.

Come creare contenuti attraenti e condivisibili

Partiamo da una regola troppo spesso dimenticata: non si scrive per i motori di ricerca, ma per le persone. Il modo migliore per aumentare la propria visibilità e la reach del marchio è quello di offrire contenuti che intercettino domande e bisogni reali. Inoltre i contenuti devono essere condivisibili, coerenti e creati secondo una strategia ragionata e legata alla brand identity. Costruire articoli utili, suggerimenti, aprire discussioni su temi importanti per il pubblico che segue il brand aumenterà l’influenza e la credibilità del marchio, permettendo inoltre di fare lead generation.

La conseguenza è che la visibilità del brand aumenterà in maniera organica, anche se in modo meno rapido rispetto a coloro che usano l’Adv: per contro, il posizionamento che deriva dai risultati organici sarà molto stabile nel tempo.

Immagine che descrive l'importanza dei social media per il posizionamento SEO

Non sottovalutare le community

Qualunque sia il canale che stai utilizzando, è bene tenere a mente il suo pubblico e le caratteristiche specifiche, per delineare lo stile e il tono più adatto. Una volta innescato il meccanismo che, tramite le keyword stabilite, permette di sollevare dei problemi utili per il pubblico, è importante non far cadere nel vuoto queste interazioni, ma alimentarle e farle crescere, stimolando nuovi temi di discussione e rispondendo alle richieste degli utenti.  Non sottovalutate mai il peso in termini di visibilità che una community di utenti informati e interessati può portare al nostro brand.

Creare una rete grazie ai link esterni

I social media possono essere considerati una sorta di “ponte” fra i contenuti che produciamo noi e quelli prodotti da altri: non si tratta di dare visibilità ai competitor, ma di inserire link esterni a risorse utili per il nostro pubblico.

Sebbene i link esterni non contino direttamente per il posizionamento SEO, come già spiegato qualche paragrafo sopra, avere dei link esterni autorevoli permetterà comunque di aumentare l’autorità del tuo brand agli occhi del pubblico.

La rete di ipertesti collegati tra loro in maniera coerente e naturale è il meccanismo che permette al web di esistere: produrre contenuti interessanti su un dato argomento significa soddisfare la ricerca dell’utente e aumentare la propria credibilità anche agli occhi di altri hub. Questi avranno tutto l’interesse a menzionare il nostro brand, o meglio i contenuti ad esso legati: in questo modo il nostro brand può arrivare a definire la propria nicchia, diventando un punto di riferimento per gli utenti.

Questa è solo una piccola panoramica di come il peso di una social media strategy ragionata possa influenzare il posizionamento del tuo brand. Ma come si lega l’approccio data driven alla Social SEO? Lo scopriremo più avanti, continuate a seguirci.

Non lasciare che queste parole volino via col vento! Abbiamo costruito per te un breve test per vedere quanto veramente la tua attività sia data-driven. Fai clic sul pulsante qui sotto e ottieni intuizioni preziose sulla tua strategia di marketing.

SCARICA LA CHECKLIST

Una buona attività data-driven inizia da una forte consapevolezza di ciò che funziona e cosa no. È necessario essere profondamente consapevoli sia dei punti di forza che di debolezza per poter superare i problemi. Sentiti libero di scriverci e dirci cosa ne pensi. Ci piacerebbe conoscere la tua opinione!

Iscriviti alla community KPI6 e ricevi news e report riguardanti le più importanti tematiche della tua professione: Social Media Listening, Big Data Analysis, Influencer Marketing e molto altro ancora.